Regolamento assenze

 

REGOLAMENTO LIMITE ASSENZE (ai sensi del D.P.R. N.122/2009 ART.14 COMMA 7)

Art.1 Calcolo della percentuale delle assenze

I Docenti segnano sul registro di classe e su quello personale tutte le assenze, incluse le entrate e le uscite fuori orario.

I Coordinatori di classe riportano su apposito registro le ore di assenze degli alunni e le ore relative alle attività didattiche extrascolastiche(uscite didattiche,viaggi e visite di istruzione ecc.), che saranno tutte conteggiate al termine dell’anno scolastico.

Il numero delle ore totale di assenza effettuate dallo studente nell’anno scolastico non deve superare il 25% dell’orario complessivo annuale, il mancato conseguimento del limite massimo di frequenza,comprensivo delle deroghe riconosciute,comporta l’esclusione dello scrutinio finale e la non ammissione alla classe successiva o all’esame finale.

Sono calcolate ore di assenza:

– le entrate in ritardo alla 1^ ora di lezione dopo le ore 8,15;

– le entrate in ritardo alla 2^ ora di lezione;

– le uscite anticipate di una o più ore;

– l’astensione dalle lezioni in maniera singola o in massa;

– la non frequenza in caso di non partecipazione a viaggi di istruzione o a visite guidate.

Pertanto quando nella norma si parla di “frequenza di almeno tre quarti dell’orario annuale personalizzato” si deve intendere che per riconoscere la validità dell’anno scolastico è richiesta la frequenza di almeno tre quarti del monte ore annuale, comprensivo di tutte le attività didattiche, che rientrano nel curricolo individuale di ciascun allievo.

Quindi occorre calcolare i tre quarti delle ore settimanali previsti dai diversi corsi di studio e moltiplicare la cifra per 33 settimane. Chi non raggiunge tale soglia, senza beneficiare di deroghe, non va ammesso allo scrutinio finale.

MONTE ORE ANNUO Scuola Media annessa

1 CLASSE

32 ore settimanali x 33 settimane = 1056 ore annuali

¾ di 1056 = 792 ore totali necessarie per essere scrutinati

1056 – 792 = 264 ore, la soglia da non superare. Fatte salve le deroghe.

MONTE ORE ANNUO Scuola Media annessa

2-3 CLASSE

33 ore settimanali x 33 settimane = 1089 ore annuali

¾ di 1089 = 816,75 ore totali necessarie per essere scrutinati

1089 – 816,75 = 272,25 ore, la soglia da non superare. Fatte salve le deroghe

MONTE ORE ANNUO DELLE

1-2 CLASSI

Liceo Artistico

34 ore settimanali x 33 settimane = 1122 ore annuali

¾ di 1122 = 841,5 ore totali necessarie per essere scrutinati

1122 – 841,5 = 280 ore, la soglia da non superare. Fatte salve le deroghe

MONTE ORE ANNUO DELLE

Classi 3A – 3B – 4A A.C. – 4B – 5A A.C. – 5B

Istituto d’Arte

39 ore settimanali x 33 settimane = 1287 ore annuali

¾ di 1287 = 965,25 ore totali necessarie per essere scrutinati

1287 – 965,25 = 321,75 ore, la soglia da non superare. Fatte salve le deroghe

MONTE ORE ANNUO DELLE

Classi 4A T.C. – 5A T.C.

Istituto d’Arte

41 ore settimanali x 33 settimane = 1353 ore annuali

¾ di 1353 = 1014,75 ore totali necessarie per essere scrutinati

1353 – 1014,75 = 338,25 ore, la soglia da non superare. Fatte salve le deroghe

MONTE ORE ANNUO DELLA

Classe 5C Serale

Istituto d’Arte

28 ore settimanali x 33 settimane = 924 ore annuali

¾ di 924 = 693 ore totali necessarie per essere scrutinati

924 – 693 = 231 ore, la soglia da non superare. Fatte salve le deroghe

Art .2

Le ore di attività didattica extrascolastica, svolte in orario curricolare (uscite didattiche, viaggi e visite di istruzione, stages) vanno regolarmente riportate nel registro di classe, con relativa annotazione degli assenti, a cura del docente di riferimento.

Art. 3

Le ore scolastiche svolte in progetti extracurriculari (Progetti POF, partecipazione attiva ad iniziative organizzate dalla scuola: convegni, manifestazioni, incontri con esperti, ecc; sportello didattico, corsi di recupero), in maniera aggiuntiva alle ore di lezione curricolare e debitamente certificate dal Docente referente, costituiscono un bonus per lo studente da portare in riduzione dalle assenze legate alle materie di riferimento.

Art. 4 Tipologia di assenze ammesse alla deroga

La deroga è prevista per assenze debitamente documentate, a condizione, comunque, che tali assenze non pregiudichino, a giudizio del Consiglio di Classe, la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati. Le tipologie di assenze ammesse alla deroga riguardano:

– Motivi di salute adeguatamente documentati;

– Terapie e/o cure programmate;

– Assenze degli studenti che usufruiscono della legge 104/92 sulla disabilità ed eventuali

successive modificazioni;

– Motivi personali e/o familiari (provvedimenti dell’autorità giudiziaria, attivazione di

separazione dei genitori in coincidenza con l’assenza; gravi patologie e lutti dei componenti

del nucleo familiare entro il II grado; trasferimento della famiglia);

– Uscite anticipate per attività sportiva debitamente richieste e certificate dall’Associazione

sportiva di appartenenza;

– Donazioni di sangue;

– Adesioni a confessioni religiose per le quali esistono specifiche intese che considerano il

sabato come giorno di riposo.

Le assenze per malattia di almeno tre giorni potranno essere ammesse a deroga se certificate dal medico di famiglia o dall’ASP. Le assenze incidono negativamente a meno che, da un congruo numero di verifiche scritte, orali e pratiche svolte sia a scuola che a casa regolarmente corrette e classificate nel corso dell’intero anno scolastico non si possa accertare il raggiungimento degli obiettivi positivi in ciascuna disciplina.

I casi eccezionali non previsti dal presente regolamento, motivati, continuativi e documentati saranno oggetto di valutazione nei Consigli di Classe a condizione che tali assenze non pregiudichino la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati. Tutte le motivazioni devono essere preventivamente o comunque tempestivamente documentate.

Al di fuori delle suddette deroghe, qualsiasi altra assenza (sia essa giustificata o ingiustificata) effettuata durante l’anno scolastico, verrà conteggiata ai fini della esclusione o inclusione nello scrutinio finale.

Detto regolamento è stato approvato durante il Collegio dei Docenti del 28/11/2011.

IL DIRIGENTE SCOLASTICO